Progetto

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Il progetto LIFE PARC vuole migliorare lo stato di conservazione della Lampreda di mare (Petromyzon marinus), della Cheppia (Alosa fallax), del Vairone (Leuciscus souffia), della Rovella (Rutilus rubilio) e del Barbo (Barbus plebejus), mediante il ripristino fluviale e della continuità ecologica dei fiumi Magra e Vara e la crescente consapevolezza tra le popolazioni locali.

AZIONI E STRUMENTI

Recenti studi condotti nel SIC IT1343502 Parco Magra-Vara dimostrano che questo sito (in particolare i due fiumi Magra e Vara) sia l’unica area in cui il successo riproduttivo della lampreda di mare (Petromyzon marinus) è stato accertato. Inoltre, questi fiumi ospitantano altre specie di pesci migratori di interesse comunitario: Alosa fallax, Leuciscus souffia, Rutilus rubilio, Barbus plebejus.

Attualmente, i tratti di fiume adatti per lo svolgimento del ciclo riproduttivo delle lamprede e delle altre specie sono difficilmente accessibili a causa della presenza di alcuni ostacoli artificiali che interrompono la naturale continuità del fiume. La presenza di questi ostacoli provoca una frammentazione delle popolazioni con una assoluta impossibilità per gli animali di migrare quando il fiume è in bassa; inoltre, la presenza di ostacoli provoca una oggettiva difficoltà a raggiungere i siti idonei per la riproduzione, obbligando quindi le specie a scegliere siti riproduttivi in aree che non sono adatte per lo sviluppo delle uova; questo incide notevolmente alla riduzione numerica delle popolazioni ittiche.
La creazione di passaggi per i pesci nei pressi degli sbarramenti identificati favorirà movimenti longitudinali dei pesci a prescindere dal livello del fiume, in modo da permettere loro di raggiungere le zone di riproduzione naturale (situate nella parte centro-superiore del bacino). Ciò consentirebbe di migliorare lo stato di conservazione delle specie oggetto del presente progetto.

Il progetto prevede una fase iniziale di azioni preparatorie ed elaborazione di progetti esecutivi per la realizzazione del ripristino della continuità fluviale del Magra e del Vara, in particolare le azioni concrete consisteranno nella creazione di passaggi lungo nove ostacoli critici che impediscono i movimenti migratori della fauna ittica a monte; inoltre saranno effettuate azioni di diversificazione ambientale introducendo elementi allo scopo di restituire la sinuosità del fiume e di variare la tessitura dell’alveo per ricreare l’habitat adatto e quindi migliorare la riproduzione. Fondamentale per la salvaguardia della specie di cui sopra sono le azioni di sensibilizzazione presso la popolazione locale e le amministrazioni pubbliche. Tali azioni comprendono la realizzazione di percorsi natura e le iniziative volte a diffondere una maggiore consapevolezza su:
- l’importanza della conservazione delle specie interessate al progetto
- il SIC IT1343502 Parco Magra-Vara
- la rete Natura 2000

Si rileva, inoltre, che il progetto consentirà l’individuazione di buone pratiche gestionali dei corsi d’acqua ai fini della conservazione delle specie ittiche target e degli ambienti fluviali. I metodi e le tecniche individuate potranno essere applicate in altre aree fluviali europee aventi caratteristiche analoghe, soprattutto in ambito mediterraneo.

L'impegno del settore privato è indicativo della condivisione degli obiettivi e del tipo di approccio di partenariato pubblico-privato alla base del progetto che garantisce risultati significativi e duraturi. Il coinvolgimento delle associazioni di pescatori locali permetterà di intensificare le attività di sorveglianza diretta contro il bracconaggio e le altre attività antropiche dannose. Infine, fondamentale alla riuscita del progetto sono le attività di monitoraggio per valutare gli effetti di azioni concrete sullo stato di conservazione delle specie e degli habitat oggetto di interventi, così come l'istituzione di un comitato tecnico-scientifico e un comitato di gestione che seguiranno tutti gli aspetti (tecnico, amministrativo e finanziario) e le fasi del progetto attraverso riunioni periodiche.

Scarica le brevi descrizioni di Rete Natura 2000 e di Life+ 2007

Visualizza su GoogleMaps i siti interessati dal progetto, la descrizione tecnica e gli interventi da realizzarvi.


BENEFICIARIO PARTNERS      
COFINANZIATORE